MISTERI NEL MONDO

Nel cammino verso la ricerca di Dio e del senso della vita, fanta-religioni a parte,  prima o poi ci si deve scontrare con i vari misteri presenti sul nostro pianeta. Siti affascinanti che potrebbero far pensare anche a incontri ravvicinati con alieni, (strutture organizzate in base alle costellazioni, strani manufatti, geoglifi, calendari, gallerie sotterranee, tombe, dipinti, graffiti, ecc.) ma che potrebbero anche avere spiegazioni meno romantiche. Non è nostro compito stabilire se c’è vita nello spazio, ma certo è che se si pensa all’infinito, credere di essere l’unica razza è abbastanza presuntuoso anche se non impossibile, fino a prova contraria. Il nostro compito è mettere insieme tutti i tasselli per consentire poi a ognuno di trarre le proprie conclusioni. Con l’occasione potremmo anche scoprire un nuova destinazione per le prossime vacanze…

LINEE DI NAZCA – PERU’

Anche se i geoglifi di Nazca sono senz’altro i più conosciuti, non si tratta dell’unico esempio di disegni sul terreno sul nostro pianeta. Più vicino a noi, ad esempio, in Medio Oriente, in una vasta area tra Siria e Arabia Saudita, esisono dei misteriosi disegni simili a delle ruote, ottenuti non scavando o togliendo pietre dal terreno, ma accumulando massi uno sull’altro. Il collocamento storico sembrerebbe veramente remoto nel tempo, di origine primitiva e antecedente al sito di Nazca: forse anche 9000 anni fa…

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le linee di Nazca si trovano in pieno deserto, su un terreno duro e ricco di ferro di circa 400 chilometri quadrati, che ha permesso la conservazione dei disegni nel tempo. Una delle tante teorie, suppone che, per il fatto che le figure siano identificabili solo dall’alto,siano state realizzate per comunicare con gli alieni. Altri studiosi vedrebbero rappresentati nei disegni alcune costellazioni, altri ancora attribuiscono ai disegni un significato religioso, come ad esempio lo scenario di un cerimoniale ideato forse per chiedere acqua agli Dei. La zona è comunque circondata da rilievi dove è possibile vedere, anche se non proprio di fronte, ma in prospettiva, la maggior parte dei disegni, alcuni dei quali realizzati non in piano ma direttamente sulle pareti rocciose. Non è stato possibile avere una datazione precisa del sito, che si presume risalire a un periodo tra il 300 a.C. e il 700 d.C. Quello che colpisce è la precisione simmetrica dei disegni che si estendono in alcuni casi anche per più di cento metri. Si presume che sia stato possibile ottenere dei risultati così incredibili grazie alla costruzione di un reticolato fatto di funi e paletti, in modo da riprodurre in scala, il disegno originale.

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

CERCHI NEL GRANO – CAMPAGNE INGLESI

I cerchi nel grano o crop circles, sono così chiamati per via della forma dei primi esemplari, circolare appunto. Ancora oggi continuano a verificarsi rappresentazioni di questa forma d’arte, con forme e soggetti di vario tipo, ottenuti pigiando con i piedi delle tavolette di legno. Il mistero ormai non più misterioso, si è creatograzie  ai giornali, che, appena ricevuta la notizia, ci andarono a nozze, associando questi fatti alle astronavi aliene. Oggi è fuori dubbio che gli artefici siano esseri umani, alcuni dei quali hanno ammesso la loro burla, ma esistono anche veri e propri gruppi di cultori che mantengono in vita il fenomeno, trasformatosi ormai da burla a vera e propria tradizione delle campagne inglesi, che ha contagiato un pò tutti, Italia compresa.

Le seguenti immagini sono linkate dal sito circlemakers cmakers.org, mostra eloquentemente la tecnica utilizzata. Le figure sono state realizzate in California per il video di una famosissima rockband americana : i Korn.

tutti i diritti riservati a cmakes.org
tutti i diritti riservati a cmakers.org

 

 

 

 

MACCHU PICCHU, LA CITTA’ PERDUTA – PERU’

Perù: una città Inca apparentemente abbandonata per qualche motivo, adagiata a circa 2400 m. di altitudine, domina silente la Valle di Urubamba, in un atmosfera meravigliosamente suggestiva e unica al mondo…

Le bellissime immagini che seguono sono distribuite per libero utilizzo dal sito pixabay e credo che rendano benissimo l’idea della spiritualità che si percepisce in questo luogo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Gli Inca sono stati una delle maggiori civiltà precolombiane, vissute tra il XIII e il XVI secolo. Tra le varie teorie, alcuni sostegono che Macchu Picchu potrebbe essere stata costruita come luogo di villeggiatura, un pò come la nostra Ercolano: un luogo riservato allo imperatore e al ceto alto.

Si ritiene che la guerra civile del 1531, seguita subito dall’ incursione spagnola, possa essere il motivo che messe in moto gran parte della popolazione verso Vilcabamba. Dopo la caduta di quest’ultimo baluardo contro l’invasore, nel 1572, Macchu Picchu rimase disabitata e dimenticata per essere poi riscoperta per caso, nel 1911 da Hiram Bingham, uno storico alla ricerca in realtà della perduta Villabamba.

MAYA – MESSICO

CONTINUA….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...